Una notte a pesca

Racconti & avventure

Avventure ed emozioni sul Mar Ligure:


Barca 

 

 

Ero nell'età in cui da un pezzo non si crede più nelle favole, tuttavia l'uscita di notte in barca a pescare mi metteva addosso una fortissima eccitazione, avevo la sensazione di vivere un'avventura, un'emozione che mette fermento nella schiena, un’emozione come quelle provate dai protagonisti di un libro di Salgari.

Ricordo: battigia

Una sera in un paesino della riviera ligure (dove ho passato gran parte della mia giovinezza), insieme ad un esperto Pescatore e ad altri due amici, ci prepariamo a partire per la pesca con tutti i rituali che chi va per mare si porta dietro.

Si comincia con i preparativi per attrezzare la barca da pesca:

Tutto è rituale e preordinato, sembra di officiare ad una messa.

Questi preliminari, anche se abituali, ampliano la sensazione di avventura e di mistero. 

La spiaggia è deserta, tutto profuma stranamente di pulito, di nuovo, persino l'odore acre dell'esca, che farebbe inorridire un famelico gatto, pare integrarsi perfettamente all'ambiente. 

Tutto è pronto, la barca ripiena dell'attrezzatura viene liberata dalle zeppe di sostegno e tra uno sfrigolio di sassi spinta verso il mare.

spiaggia, acqua di notteL'acqua è calmissima, solo un lieve sciacquio ne indica la sua natura liquida, il suo colore, acceso dalle luci della passeggiata a mare, è di un verde tenue e fa risaltare i sassi del fondo come fossero pietre preziose.

 

Lentamente la barca appoggia la sua prua dentro di essa e turba quella immobilità magica, onde parallele si allontanano e danno l'impressione che il fondo si muova.

Ora la barca è completamente in acqua e galleggia mollemente, tutti salgono, l'ultimo da' una spinta e sale al volo. 

 

L'avventura è cominciata!

 

I remi messi negli scalmi iniziano a spingere la barca ed un lieve sciabordio ritmico indica l'accelerazione impressa da ogni remata.

Ci immergiamo sempre di più nell'oscurità e man mano che ci allontaniamo il buio ci inghiotte.

L'onda generata dalla barca e i remi che turbano l'acqua,  si illuminano di mille lucciole, piccoli animaletti fluorescenti si accendono in una cascata di stelle.

Sembra di essere nel paese "dell'isola che non c'è" e ti aspetteresti di trovare Campanellino che cosparge di polvere magica la barca.

Solo le luci da terra indicano la posizione in cui ci troviamo e ci rincuorano sulle possibilità del ritorno.

Il silenzio è assoluto, solo alcuni rumori attutiti ci arrivano da lontano correndo sulla superficie del mare:
...siamo veramente soli.

Il Pescatore ad un tratto si alza in piedi, guarda l'allineamento di alcune luci sulla costa e come come il capitano Achab, solennemente dice:
" va ben, semmo arrivè, dagghe fondo " (va' bene, siamo arrivati, dai fondo [butta l'ancora]) .

Subito un peso a cui si annoda il palamito ed una sagola con la boa di segnalazione, viene gettata in mare e si comincia a "calare" la lunga sequenza di filo e di ami innescati con quell'esca "profumata" di cui parlavo prima. 

I perentori ordini del Pescatore a chi è ai remi ed il rumore di questi sugli scalmi, sono l'unica variante a tanto silenzio. 

L'atmosfera è gioiosa anche se nessuno parla.

Ho l'impressione di partecipare ad un rito magico in un film di Walt Disney, dove tutti girano intorno al pentolone con passi di danza ....  l'idea della scena mi fa quasi scoppiare in una sonora risata.

Finito di calare il "palamito" (200 ami per circa un Km. di lunghezza), ci spostiamo sulla boa iniziale e dopo un po' cominciamo a salpare:

una cascata di piccole luci sale con il filo sino in barca, sembra una catena di stelle che nasce dagli abissi.

Il palamito salendo parla e dice a chi lo gestisce cosa succede alla sua sequenza di ami sprofondati nel mare;
è un linguaggio ascoltato con le dita, le vibrazioni trasmesse dal filo sono parole, emozioni, speranze ...
e così ascoltando in religioso silenzio continuiamo, ognuno con un compito preciso, a recuperare il filo "madre" ed a disporre ordinatamente gli ami nella cesta.

Ad un tratto il Pescatore mormora "o ghè" (c'è) e comincia a salpare con più velocità e prudenza per non infilarsi gli ami nelle dita.

Si sente che è in tensione come il filo che tiene nelle mani e che ogni tanto sfrigola nell'acqua per una trazione improvvisa.

Adesso il Pescatore non passa più il filo agli altri componenti, ma lo accumula in una mano.

Uno sfrigolio più forte costringe il Pescatore a gettare parte del filo raccolto in acqua ed a bloccare quello rimasto ad uno scalmo della barca, un'imprecazione sfugge dalla sua bocca che subito si irrigidisce in una smorfia da sforzo; "o perdemmo" (lo perdiamo) , sibila a labbra chiuse.

Ad un tratto il filo si ammoscia improvvisamente: "attenti, o l'è a galla e no so cös'o l'è" (attenti, è a galla e non so cos'è) .

Rapidamente sposta il "garbo"  (raffio o uncino) sul bordo della barca, ma improvvisamente il filo si tende di nuovo e si sposta ora a destra ora a sinistra fischiando nell'acqua.

Con la poca luce di bordo cerchiamo di vedere cosa si è attaccato all'amo, ma il buio della notte non fa vedere che tracce di fluorescenza in direzione dello spostamento del filo.

Ad un tratto una cometa argentea si intravede nel mare e quando passa nel cono di luce della nostra lampada diventa una grande ombra nera, perdendo temporaneamente l’aspetto di cometa, che riacquista subito dopo essere uscita dal fascio di luce. 

Un brivido mi corre lungo la schiena, al secondo passaggio sotto la luce, il Pescatore grida: "attenti figgiêu o l'è in ciüccio" (attenti ragazzi è un trigone - "Dasyatis Pastinaca"). Ciuccio, Trigone, Dasyatis Pastinaca, Razza chiodata

In acqua il pesce sembra un animale enorme, con le sue ali frena, come fosse un aqilone ogni sforzo di avvicinarlo alla barca, dopo un tempo infinito, tirando e rilasciando il filo cosparso di ami, riusciamo ad avvicinare il pesce, il marinaio preso il "garbo" lo arpiona saldamente, ma il pesce non domo si difende schioccando la coda velenosa contro la barca.

 L'emozione è realmente palpabile. 

Dopo un po' di tentativi, riusciamo ad imprigionare la coda con un "Saläjo" (retino - cerchiaia) e tiriamo in barca l'animale,

....  è davvero grande.

I miei muscoli per lo sforzo fatto, si contraggono aritmicamente.

Il Pescatore guardando il pesce dice:

"semmo steti prorio bravi, o nu l'ea facile tiâlo a bordo sénsa fase mâ"  (siamo stati proprio bravi, non era facile tirarlo a bordo senza farsi male).

Remando per il ritorno, come giovani guerrieri guardiamo il trofeo, che occupa una buona parte della barca, orgogliosi di essere stati all'altezza della situazione. 

I quattro remi dell’imbarcazione battono ritmici la superficie del mare ed in poco tempo arriviamo a riva e tiriamo la barca in secco.

Spente le luci ci salutiamo ed io mi ritrovo di nuovo solo. 

 

Seduto sulla spiaggia davanti alla bellezza del creato mi accorgo che la battaglia ha per un momento spento l'immagine che alla partenza mi aveva riempito il cuore, così, inconsciamente, mi ritrovo a fare considerazioni sui diversi modi di sentire e vedere l’ambiente in cui vivi: 

Ogni sensazione che provi ti porta a considerare diversamente le cose che hai intorno e questo cambia il modo di vedere ciò che ti circonda:

Le emozioni modificano la percezione dello scenario e, 
come in un teatro,

su uno sfondo sempre uguale, trame diverse, 
ti fanno "vivere" ambienti costantemente mutevoli.

 

 

vaiRitorna

 

 


  Autore: Solaxart    e-mail: solaxart@preboggion.it