Castelli:

Tra il X ed il XVII secolo, periodo di guerre intestine e fratricide, l'economia venne gestita e controllata da castelli e rocche, punti strategici di dominio e difesa.
Alla fine di questo periodo bellicoso, queste costruzioni, passarono da un utilizzo prettamente militare ad una funzione di residenza principesca.

bulla 

Castelli del Ducato di Parma e Piacenza :
il ducato di Piacenza


Il Trebbia, il Nure, il Tidone ed i loro affluenti:

le valli di questo complesso furono le principali vie di comunicazione tra la repubblica di Genova (il mare) e "la pianura Padana", costellate in punti strategici da castelli e rocche, che dominarono con alterne fortune i traffici dell'epoca.

 

Valle d'Arda

Val Chero

Val Chiavenna

Val Luretta

Val di Nure

Valle Ongina

Val Riglio

Bassa val Trebbia

Media val Trebbia

Alta val Trebbia

Val Tidone

Val Vezzeno


bulla 

Castelli del Ducato di Parma e Piacenza :
il ducato di Parma


Il Taro ed i suoi affluenti:

le valli di questo fiume e dei suoi affluenti, punto di transito della via Francigena, padroneggiate dalla città di Parma, accolgono sul loro territorio memorie di un fiorente e difficile passato di oltre trecento anni di guerre, con vittorie e sconfitte, distruzioni e ricostruzioni.

  

  

Val Baganza

Val Ceno

Val d'Enza

Val Parma

Val Stirone

Val di Taro


bulla 

Castelli dell' Emilia Romagna


Al di fuori del ducato di Parma e Piacenza,  altri castelli e altri domini influenzarono le vicende del periodo medioevale nella regione dell'Emilia Romagna.
In quell'epoca, molti feudi divennero indipendenti, trasformandosi o in liberi comuni o in contee e ducati.
Particolarmente importanti furono:
Il comune di Bologna, dove, nel 1088, si sviluppò la prima università europea.
La Contea di Guastalla, che nacque nel 1406 con Guido Torelli e successivamente fu Ducato di Guastalla con Cesare II Gonzaga.
Il Ducato di Modena e Reggio, che nacque nel 1452 con Borso d'Este.

La provincia di Bologna

La provincia di Ferrara

La provincia di Modena

La provincia di Rimini


bulla 

Castelli della Liguria


La Liguria:
Una lunga striscia di terra di confine protetta e o divisa dalle bramosie della grande pianura Padana dai monti dell'Appennino ligure.
Sulle vie che si inerpicano in strette gole la/le cosiddette  "via del sale" si costruiscono, sia sul versante ligure, che su quello padano, una serie di "porte"  (castelli)  per il controllo dei flussi commerciali da e per il mare.
La quantità di costruzioni militari poste a guardia di queste vie, indica l'importanza delle stesse.

La provincia di Genova


bulla 

Castelli della Lomellina

La Lomellina fa parte della provincia di Pavia ed è sita nella zona  compresa tra: il Sesia ad ovest, il Po a sud, il Ticino ad est e le Colline Novaresi a nord.

 Il suo nome deriva dal comune di Lomello, che in epoca franca,  divenne contea e diede sviluppo ed importanza alla zona.

La Lomellina


bulla 

Castelli della Lombardia

La Lombardia:
la mancanza per molto tempo di un netto dominatore sul territorio, generò centri di potere contrapposti che costruirono, per proteggere i propri confini, una serie di castelli sui punti nevralgici dei loro possedimenti, passati poi a fastose residenze quando i confini di stato vennero delimitati dalle egemonie di Milano e Venezia.
 


 

La provincia di Bergamo

La provincia di Brescia

La provincia di Como

La provincia di Cremona

La provincia di Lecco

La provincia di Lodi

La provincia di Mantova

La provincia di Milano

La provincia di Monza B.

La provincia di Pavia

La provincia di Varese

  


bulla 

Castelli del Piemonte

Il Piemonte:
nel Piemonte come in Lombardia si ebbero gli stessi processi di disgregazione ed accentramento.
Qui i dominatori emersero durante il XIV e furono:

  • i conti di Savoia che controllavano le valli di Susa e di Lanzo, Ivrea, il Canadese e Cuneo;

  • i principi d´Acaia, Torino e zone limitrofe;

  • i marchesi di Saluzzo, il Saluzzese e le valli del Piemonte meridionale.

  • Novara, Vercelli, Asti e Alessandria furono però possedimenti dei Visconti di Milano.

In questo secolo, nonostante l´articolata composizione politica, il Piemonte inizia ad essere individuato come entità geografica.
Dopo questo periodo l'egemonia dei Savoia si estende su tutto il comprensorio piemontese ...  e oltre.

La provincia di Alessandria

La provincia di Biella

La provincia di Novara

La provincia di Vercelli

La provincia di Torino


bulla 

Repubblica di San Marino


Repubblica di San Marino


bulla 

Castelli della Valle d'Aosta

Storicamente, come nel resto dell'Italia, i castelli sino all'inizio del secondo millennio vengono costruiti con funzione prettamente difensiva,  di controllo del territorio e delle principali arterie commerciali (la via Francigena).
Successivamente, nel periodo tra il XIV e il XVI secolo nascono i castelli "gotici", a mezza via tra il militare ed il residenziale, come il castello di Verrès ed il castello di Ussel.
Dopo questo periodo, in relazione alle mutate condizioni geopolitiche, si costruiscono ex novo e/o vengono trasformati vecchi castelli in dimore residenziali, al solo scopo di mostrare la potenza e la ricchezza del proprietario.

La Valle d'Aosta


bulla 

Castelli del Veneto


La provincia di Verona

 

 

vaiRitorna

 

 


  Autore: Solaxart    e-mail: solaxart@preboggion.it